¿PORQUE SERÁ FRANCIA INGOBERNABLE? ( TEXTO EN ITALIANO )

Gli occhi della guerra

NOTA DEL EDITOR DE ESTA PÁGINA WEB: el texto que reproducimos, me deja mas perplejidades que asertos, sin negar desde luego su valía en muchos aspectos, quienes hemos estudiado con afán la Historia de Europa, conocemos la muy dispar cronología de la formación de los estados nacionales, el mas antiguo y coherente de todos el francés, el absolutismo mas sólido de Europa, después Inglaterra, muuucho después y a medio hacer España, los mas rezagados Italia y Alemania. Inclusive la unificación de Italia con Victor Manuel II de Saboya y Garibaldi, debió gran parte de su éxito al apoyo abierto de Napoleón III. La proclamación del Imperio Alemán por el príncipe Otto von Bismarck, en cabeza del Rey de Prusia, Guillermo Iº, el 18 de enero de 1871, requirió la previa derrota de los franceses, cuando en Sedan se vio capitular a un ejército de 1.000.000 de hombres, hasta entonces el mas importante del continente. He viajado mucho por tierra, carro, autobús o tren por la provincia española, francesa, inglesa, austriaca, italiana, percibí naciones coherentes, sólidas, estructuradas en Inglaterra y Francia, inclusive en la novel Alemania, en España e Italia la sensación de país en vías de hacerse es inocultable y desde luego fascinante, precisamente eso las hace mas atractivas para el turista. El análisis de Gli occhi della guerra, nos plantea el cuadro inverso, Francia es un país ultra dividido e ingobernable, a los ojos de los italianos o de este italiano en particular. Ningún país es fácil de gobernar, Pierre Mèndes-France hizo celebre su boutade de que un país que tenga 365 clases de quesos es ingobernable que años después le atribuyeron a De Gaulle. Si es evidente que Francia atraviesa una crisis, inclusive de identidad, que hubiésemos creído imposible, hija en buena medida de una serie de gobernantes pusilánimes, de los cuales el peor François Hollande, ese desmoronamiento de una identidad tan fuerte y orgullosa de su Historia, explica que un país vocacionalmente de centro se incline cada vez más hacia la derecha. Salud

ALFREDO CORONIL HARTMANN

Ítaca 7 de mayo de 2017.

LAPRESSE_20170502121110_22967620

Perché sarà una Francia ingovernabile

Il primo dato che vene fuori da queste urne è che la Francia è un Paese, mai come questa volta, completamente diviso. Diviso in tutto. Diviso geograficamente, culturalmente, politicamente, socialmente. Non c’è un partito che si possa ritenere abbia veramente espresso la Francia, ma ogni partito ha rappresentato e rappresenta una sua fetta di Paese. Macron e Le Pen non rappresentano in questo momento due candidati per la Francia, ma rappresentano due candidati di due France diverse che si sono scelti perché l’uno è nemico dell’altra. Macron è il nemico perfetto di Marine Le Pen. Marine Le Pen è il nemico perfetto per Macron.

Non poteva essere diversamente, perché rappresentano due visioni diametralmente opposte del Paese. Il mondialismo contro il sovranismo, la finanza contro l’economia reale, il governo socialista contro l’opposizione e la demonizzazione frontista, un giovane speculatore di Rothschild contro una signora vissuta sul campo della politica francese per decenni.

 Macron, candidato dell’establishment
 In questa guerra di visioni del mondo e non solo della Francia, c’è tutta la scissione profonda e reale del Paese. E questa divisione, questa separazione mentale, condurrà inevitabilmente a un rifiuto radicale della presidenza di chiunque vince.
E i risultati elettorali erano stati chiari sin da subito. Quel gruppo di quattro partiti arroccati intorno al 20% dimostrava tutta l’incredibile divisione che si stava scatenando. Anche il fatto che il patto repubblicano, tanto agognato dai macronisti, non si sia poi mai del tutto formato, è un altro segno di come Parigi non sia più quel fronte compatto dei valori repubblicani francesi, ma sia ormai in preda all’atomizzazione politica.

Un’atomizzazione che potrebbe diventare presto anche reale nell’Assemblea Legislativa, quando i francesi, tra un mese, torneranno alle urne per scegliere i loro rappresentanti. Tutto fa credere che quanto accaduto per la corsa all’Eliseo si possa ripetere anche per il Parlamento, ma con una differenza: che questa volta i partiti tradizionali avranno un peso maggiore. Il loro radicamento territoriale certamente gioverà a riprendere un po’ di ossigeno dopo il colpo del primo turno delle presidenziali. Probabilmente En Marche! sarà il primo partito di Francia, ma il sistema elettorale non renderà facile ai suoi rappresentanti prendere la maggioranza del Parlamento, anzi, è una cosa del tutto improbabile.

Bisognerà poi valutare come la strada, la piazza, la periferia di Francia accoglierà l’elezione di Macron o di Le Pen. Le proteste di queste settimana contro entrambi i candidati, gli spintoni, i fischi, le uova, le proteste per dire che nessuno dei due rappresenterà la Francia, sono tutti segnali inequivocabili che questa presidenza sarà una presidenza molto difficile. Ben più difficile delle precedenti.

Anche perché va sempre ricordato che queste elezioni hanno mostrato fondamentalmente che la Francia si sta spostando sempre più a destra, se si sommano i voti di Fillon, Le Pen e Dupont-Aignan.

A questo spostamento a destra, si deve aggiungere il rafforzamento e l’exploit della sinistra radicale di Mélenchon che rifiuta le politiche di Macron.

In bona sostanza, Emmanuel Macron potrebbe essere presidente, ma con un popolo molto frustrato da questa scelta. Non sarebbe neanche il meno peggio, semplicemente non rappresenterà la maggioranza dei francesi, neanche per via del famigerato senso repubblicano.

In questo senso, anche i media dovranno finalmente scoprire le carte. In caso di vittoria di Macron, non sarà certo più possibile impostare le proprie linee editoriali totalmente a favore del presidente. I media hanno sostenuto in massa l’ex ministro di Hollande contro il pericolo Le Pen. Ora, però, si trovano nell’ingrato compito di dimostrare di non essere così affascinati e completamente innamorati del loro futuro presidente.

Infine, entrambi i candidati dovranno finalmente mettere sul tavolo le loro idee e cominciare a trasformarle in qualcosa di reale. Una situazione così atomizzata, sicuramente non gioverebbe a una presidenza Le Pen, che si troverebbe tutti i partiti contro e che diventerebbe un presidente di minoranza.

Ma anche Macron dovrà iniziare a parlare chiaro. In campagna elettorale può essere utile dire di non essere “né di destra né di sinistra”, ma poi occorre anche far capire al proprio popolo da che parte s’intende navigare. Altrimenti il pragmatismo elettorale rischia di trasformarsi in un limbo che può distruggere ancora di più le già basse aspettative del popolo francese.

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s